Selezione di articoli scientifici sul Colon irritabile

Effetti del training autogeno sul generale miglioramento di pazienti con sindrome del colon irritabile: uno studio controllato randomizzato
Shinozaki M., Kanazawa M., Kano M., Endo Y., Nakaya N., Hongo M., Fukudo S.
Applied Psychophysiology Biofeedback, 35:189-198, 2010

Riassunto della ricerca
Il training autogeno è una tecnica di rilassamento utile e completa. Tuttavia, nessuno studio ha esaminato gli effetti del training autogeno sulla sindrome dell’intestino irritabile (IBS).

In questo studio abbiamo testato l’ipotesi che il training autogeno migliori i sintomi della sindrome del colon irritabile. Ventuno pazienti con IBS sono stati assegnati in modo casuale al training autogeno (n = 11, 5 maschi, 6 femmine) o a una terapia di controllo (n = 10, 5 maschi, 5 femmine). I pazienti con il training autogeno sono stati addestrati intensamente, mentre la terapia di controllo consisteva di discussioni circa le abitudini dei pasti dei pazienti e dei loro stili di vita. Tutti i pazienti hanno risposto a una domanda relativa alla riduzione adeguata (AR) dei sintomi di IBS e a quattro questionari: Self-Induced IBS Questionnaire (SIBSQ), Self-reported Depression Scale (SDS), State-Trait Anxiety Inventory (STAI), e Medical Outcome Short Form 36 Health Survey (SF-36). La percentuale di riduzione adeguata dei sintomi nell’ultima sessione di training autogeno nel gruppo AT (9/11, 81,8%) è significativamente superiore a quella dei controlli (3/10, 30,0%, test Chi-quadrato, p = 0,048). Due sottoscale del SF-36, vale a dire, il funzionamento sociale e il dolore corporeo, sono stati significativamente migliorati nel gruppo con training autogeno (p <0.05) rispetto al gruppo con terapia di controllo. Ruolo emozionale (p = 0,051) e la salute generale (p = 0.068) hanno mostrato una tendenza al miglioramento nel gruppo con training autogeno. Il training autogeno può essere utile nel trattamento della sindrome del colon irritabile migliorando l’autocontrollo.

Efficacia del training autogeno nella riabilitazione medica di pazienti con sindrome del colon irritabile con dominanza della costipazione
Pakhomova I.V., Aivazian T.A., Zaitsev V.P., Gusakova E.V., Molina L.P.

Voprosy Kurortologii Fizioterapii I Lechbnoi Fizicheskol Kultury, 1:24-27, 2008

Riassunto della ricerca
È stato accertato che l’uso di training autogeno rende possibile aumentare l’efficacia della terapia, portando ad un notevole miglioramento, molto evidente, dello stato somatico e psichico e con diminuzione della sindrome dolorosa. I predittori dell’efficacia del training autogeno sono stati già segnalati in altre circostanze. Sono state pertanto elaborate delle indicazioni per l’uso di questo metodo di riabilitazione medica dei pazienti con sindrome del colon irritabile con dominanza di costipazione.

Trattamento psicosomatico della sindrome del colon irritabile
Sasaki D., Sutoh T., Abe T.

Nihon Rinsho, Japanese Journal of Clinical Medicine, 50:2758-2763, 1992

Riassunto della ricerca
La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) può essere definita come una malattia psicosomatica. La maggior parte dei medici di assistenza primaria non vogliono intraprendere un trattamento psicosomatico, ma potrebbe esserlo necessario nei pazienti refrattari. Trattamenti psicosomatici brevi, fornendo i pazienti di modalità migliori di far fronte allo stress, possono ridurre i sintomi. Nell’articolo viene sintetizzata la letteratura sul trattamento psicosomatica della IBS. La terapia di supporto e il training autogeno che producono una risposta di rilassamento sembrano essere efficaci. Altre terapie psicologiche particolari che richiedono una formazione specialistica, come l’ipnosi, il biofeedback, terapia cognitiva, analisi transazionale possono essere utilizzati per IBS, ma sono carenti studi adeguatamente controllati. È certo che il trattamento psicosomatico possa partecipare alla gestione della IBS. Sono necessari ulteriori studi per verificare un’ulteriore efficacia di questi trattamenti per IBS.

Predittori dell’efficacia di metodi di psicoeducazione di pazienti con sindrome del colon irritabile e costipazione
Aivazian T.A., Zaitsev V.P., Pakhomova I.V., Gusakova E.V.

Voprosy Kurortologii Fizioterapii I Lechbnoi Fizicheskol Kultury, 5:6-8, 2008

Riassunto della ricerca
Fattori prognostici che predicono l’efficienza dei training autogeno e della psicofarmacoterapia sono stati rilevati in 90 donne con sindrome dell’intestino irritabile e costipazione. Un questionario di personalità multifattoriale, lo State-Trait Anxiety Test di Spielberg, Il Beck Depression Inventory di Beck, e la Scala Visuo-Analogica sono stati utilizzati a scopo di diagnosi psicologica. L’efficienza del training autogeno è risultata maggiore nei pazienti con sindrome dell’intestino irritabile e lievemente o moderatamente compromesso l’adattamento psicologico associato a un livello moderatamente elevato di ansia. La psicofarmacoterapia ha dimostrato di essere particolarmente efficace nei pazienti con ipocondria, depressione, e disturbi d’ansia manifesti. Si è constatato che l’evidenza di rigidità, tensione, la fissazione-propensione, e il grado di depressione potrebbero essere utilizzati come predittori di effetti positivi di psicofarmacoterapia sui modelli di evacuazione, mentre le tendenze ipocondriache possono servire come predittori di attenuazione della sindrome dolorosa in pazienti con sindrome del colon irritabile e costipazione.