Raccolta di articoli scientifici sull’Iperidrosi

Livelli elevati di stress sociale e sintomi depressivi nella iperidrosi primaria
Gross K.M., Schote A.B., Schneider K.K., Schultz A., Meyer J.
Public Library of Science, 19;9:e92412, 2014

Riassunto della ricerca
L’iperidrosi primaria è definita come la sudorazione eccessiva di alcune aree del corpo senza ragioni fisiologiche. Individui iperidrosici segnalano un elevato stress psicologico e di un deterioramento della loro qualità di vita. Pertanto, l’obiettivo dello studio è di investigare la relazione tra iperidrosi e i diversi aspetti psicologici e aspetti fisiologici dello stress cronico come co-fattore per l’eziologia della depressione. In questo studio, quaranta soggetti iperidrosici sono stati confrontati a quaranta  soggetti di controllo sani appaiati per sesso ed età. Il Trier Inventory of Chronic Stress, il Beck Depression Inventory e lo Screening for the Somatoform Disorders sono stati utilizzati per esaminare la correlazione tra iperidrosi primaria e lo stress in concomitanza sia con sintomi depressivi che con sintomi somatici. La risposta da svegli al cortisolo di ogni soggetto è stato analizzato come un correlato stress fisiologico. Negli iperidrosici abbiamo trovato una significativa assenza di riconoscimento sociale, così come una quantità di sintomi depressivi significativamente maggiore rispetto ai soggetti di controllo.

Un sottogruppo di pazienti con iperidrosi ascellare ha avuto l’impatto maggiore tra questi aspetti aumentati di stress cronico, indicando un più elevato disagio in questi soggetti. Soprattutto in situazioni sociali gli iperidrosici hanno mostrato i livelli di stress più elevati, dove viene attivato un circolo vizioso tra stress e sudorazione. Tuttavia la risposta al cortisolo da svegli non differiva significativamente tra iperidrosici e controlli. Inoltre, le persone colpite soffrono maggiormente di sintomi depressivi, che possono essere causati da sentimenti di vergogna e da una mancanza di fiducia in se stessi. Questo studio iniziale fornisce un impulso per ulteriori indagini per rivelare una relazione causale tra iperidrosi e suoi concomitanti psicologici

La valutazione di pazienti con iperidrosi primaria idiopatica focale in termini di alexitimia
Ak M., Dinçer D., Haciomeroglu B., Akarsu S., Lapsekili N., Ada S.

Journal of Health Psychology, 18:704-710, 2013
Riassunto della ricerca

Lo scopo di questo studio era quello di valutare i pazienti iperidrosi focali primarie in termini di alessitimia. I partecipanti (n = 50) con diagnosi di iperidrosi focale primaria effettuata da un dermatologo sono stati rinviati a uno psichiatra e valutati tramite la Structured Clinical Interview per i Disturbi DSM-IV Asse I e la Toronto Alexithymia Scale-20. Il tasso di alessitimia era 45,6 per cento e 18,2 per cento, rispettivamente, per l’iperidrosi primaria focale e per partecipanti del gruppo di controllo (n = 44). I risultati all’analisi multivariata della varianza hanno mostrato che il gruppo di pazienti con iperidrosi focale primaria aveva punteggi significativamente più alti rispetto al gruppo di controllo nelle sottoscale ‘Difficolta nell’identificare i sentimenti’ e ‘Difficolta’ a descrivere i sentimenti’, e nel punteggio totale. Pertanto degli interventi psicoterapeutici possono aumentare le probabilità di successo del trattamento dermatologico e possono avere un impatto positivo sulla qualità della vita nei casi cronici.

Gestione dell’iperidrosi primaria: un riassunto di differenti tipi di trattamento
Connolly M., de Berker D.
American Journal of Clinical Dermatology, 4: 681-697, 2003
Riassunto della ricerca

L’iperidrosi è una condizione comune e dolorosa che coinvolge un aumento della produzione di sudore. Una varietà di modalità di trattamento vengono utilizzate per cercare di controllare o ridurre la sudorazione. Il sudore viene secreto dalle ghiandole eccrine innervate da fibre colinergiche del sistema nervoso simpatico. L’iperidrosi primaria colpisce più comunemente le palme, le ascelle e la pianta dei piedi. L’iperidrosi secondaria è causata da una condizione di base e il trattamento comporta la rimozione o il controllo di questa condizione. Le opzioni di trattamento per l’iperidrosi primaria coinvolgono una vasta gamma di farmaci topici o sistemici, la psicoterapia e le tecniche invasive chirurgiche o non chirurgiche. Antitraspiranti topici sono veloci e facili da applicare, ma possono causare irritazione della pelle e hanno una breve emivita. Farmaci sistemici, in particolare anticolinergici, riducono la sudorazione ma la dose richiesta per controllare la sudorazione può causare significativi effetti collaterali, quindi, limitando l’efficacia dei farmaci. La iontoforesi è un metodo semplice e ben tollerato per il trattamento dell’iperidrosi senza effetti negativi a lungo termine; tuttavia sono necessari trattamenti di mantenimento a lungo termine per mantenere i pazienti senza sintomi. La tossina botulinica A è emersa come trattamento per l’iperidrosi negli ultimi 5-6 anni con studi che hanno mostrato buoni risultati. Purtroppo la tossina botulinica A non è una soluzione permanente ed i pazienti richiedono iniezioni ripetute ogni 6-8 mesi per mantenere i benefici. La psicoterapia si è dimostrata utile in un piccolo numero di casi. La simpaticolisi  con infusione percutanea guidata di fenolo sotto controllo tomografico computerizzato ha ottenuto buoni risultati, ma ha un alto tasso di fallimento a lungo termine. La chirurgia ha anche dimostrato di ridurre con successo l’iperidrosi, ma, come altre terapie, ha diverse complicazioni ed i pazienti devono essere informati di questi prima di subire un intervento chirurgico. L’asportazione delle ghiandole sudoripare ascellari può causare cicatrici antiestetiche e la simpaticectomia transtoracica possono essere associate a complicanze della iperidrosi compensatoria e gustativa, alla sindrome di Horner e a nevralgia, che alcuni pazienti possono trovare peggio che la stessa condizione.