forza mentale e tennis

La forza mentale (mental toughness) è stata definita come la capacità di un atleta di far fronte rapidamente ed efficacemente alle reazioni avverse, e quindi allo stress, alle sfide e alle situazioni di pressione emotiva. È una capacità fondamentale nell’ambito di tutti gli sports, in particolare di quello competitivo, e diversi autori ritengono che in certi sports ci sia il contributo specifico di alcuni fattori specifici di quegli sports, come per esempio nel calcio la “presenza che colpisce gli avversari” è considerata una componente primaria, diversamente da altri tipi di sport (Thelwell e coll., 2005).

Le 10 principali componenti della forza mentale

Al di là delle componenti specifiche di ogni singolo sport, esistono 10 componenti generali, che la ricerca odierna (Crowden e coll., 2016) considera oggi far parte della forza mentale. Esse sono la motivazione, l’intelligenza sportiva, la resilienza, la resistenza fisica, l’impegno perseverante, l’adattamento efficace, i valori personali, l’autoefficacia, la prospettiva positiva e il desiderio di riuscire.

Molte di queste capacità possono essere efficacemente rinforzate attraverso programmi di potenziamento psichico e la stessa ricerca di Crowden effettuata su tennisti d’élite evidenzia come punteggi più alti di forza mentale siano associati a una maggiore probabilità di uscire vincenti dal match, con un 27% del risultato attribuito a questa capacità.

La forza mentale nel tennis

La ricerca citata di Crowden ha misurato con opportuni tests la forza mentale dei tennisti maschi e femmine che stavano effettuando un torneo nazionale di tennis in Sudafrica. L’autore ha sottolineato una serie di importanti risultati attribuibili alla forza mentale che possono essere sintetizzati nel seguente modo.

I tennisti con più alti punteggi di forza mentale avevano anche il ranking più alto, il risultato positivo al match, una percentuale di tre o più punti consecutivi vinti per game, creava più break points alla risposta che al servizio, una maggiore percentuale di punti vinti quando i punteggi erano pari tra essere al servizio o alla risposta, una maggiore percentuale di punti vinti al servizio quando era avanti nel punteggio e una maggiore percentuale di punti vinti quando era indietro nel punteggio. Inoltre i tennisti con la più alta forza mentale avevano anche una maggiore percentuale di punti vinti ai servizi critici. Tutto questo è indicativo di una migliore probabilità di vincere le partite.

(a cura di Walter Orrù)